Jump to ContentJump to Main Navigation
Music in Renaissance Ferrara 1400–1505The Creation of a Musical Center in the Fifteenth Century$

Lewis Lockwood

Print publication date: 2009

Print ISBN-13: 9780195378276

Published to Oxford Scholarship Online: October 2011

DOI: 10.1093/acprof:oso/9780195378276.001.0001

Show Summary Details
Page of

PRINTED FROM OXFORD SCHOLARSHIP ONLINE (www.oxfordscholarship.com). (c) Copyright Oxford University Press, 2017. All Rights Reserved. Under the terms of the licence agreement, an individual user may print out a PDF of a single chapter of a monograph in OSO for personal use (for details see http://www.oxfordscholarship.com/page/privacy-policy). Subscriber: null; date: 30 March 2017

(p.328) APPENDIX II Documents

(p.328) APPENDIX II Documents

Source:
Music in Renaissance Ferrara 1400–1505
Publisher:
Oxford University Press

DOC. I . Letter of Duke Ercole I d'Este to Hermann, Bishop of Constance, 10 December 1471, on the recruitment of singers. Source: ASM, Epist. reg. 1471–5, p. 87. (The surviving text is not that of the final version of the letter but is rather a corrected draft. The corrections are shown below in brackets.

Ad D. hermanum Episcopum Constantienum. Reverendus in Christo pater et domine pater noster dilectissime. — Inter ceteras provisiones quas facere cupimus [originally ’decrevimus’] in principio nostre assumptions ad hunc nostrum ducatum, statuimus pro nostra spiritual recreatione, Instituere Capellam celeberrimam, in qua ad divinum cultum et officia celebranda habeamus Cantores Musicos prestantissimos, quos undique perquirimus. Qua de re cum ad noticiam nostram pervenerit [originally ’pervenisset’] de sufficientia, integritate, ac vite honestate venerabilis domini Martini de Alemania, Sacerdotis in ecclesia cathedral! V. D. et habita per nos informatione quod in arte Musica, plurimum valet, ipsum in cantorem capelle nostre predicte delegimus atque conduximus [after this word the two words ’et acceptat’ are deleted]. Quapropter vestram R. P. ex corde rogamus ut eadem velit intuitu et amore nostro acquiescere et contentari ut ipse D. Martinus Loco sui ponere et subrogare possit alium idoneum qui curam habeat ceiebrandi et Gubernandi beneficium suum quod habeat in ecclesia maiori Constantiense nee non velit ipsa D. Vestra se interponere cum Capitulo et venerabilibus illis Canonicis ecclesie predicte, ut et ipsi huic voto nostro libenter annuantur. Quum id a vestra Rev. P. et a suis Reverentiis loco singularis beneficij acceptabimus, offerentes nos quoque [crossed out: ’et Statum nostram’] ad quicunque vel similia vel etiam multo maiora beneplacita vestra in omne tempus paratissimos. Bene valete semper etc. Datum in civitate nostra Ferrarie Die x° Decembris anni Mcccclxxi.

Item predicto D. Martino facte fuerunt littere passus pro se et uno sotio vel famulo et cum duobus equis pro eundo constantiam et redeundo.

DOC. 2. Extract from letter of Niccolo Bendedei to Duke Ercole I d'Este, Rome, 10 December 1485. Source: ASM, Amb. Roma, B. 8, Doc. 37/9.

… Quando giunsi qua io parlai a messer Polo Casella de la renuncia i! promesse a Vostra Signoria de fare cum favore de don Zohane Martino poiche lui me ne lassete uno ricordo: et ho strinse assai in nome de Vostra Excellentia …

DOC. 3. Extract of letter of Duke Ercole I d'Este to Bonfrancesco Arlotti at Rome, 4 May 1486. Source: ASM, Amb. Roma, B. 7, Doc. 30-xviii/21.

Cum nostro singulare piacere et contento habiamo inteso come messer Polo Casella ha renuntiato. …le ragione sue che '1 pretendeva havere ne la Pieve de Rivalta a don Zoane Martino nostro cantore come per la supplicatione che qui inclusa vi mandiamo vedereti. La quale e signata cum la solemnita necessarie; et acio che 'I si venga ala expeditione di quanto se ha ad fare circa questa renuntia volemo che faciati expedire le bolle necessarie usque ad plumbum (p.329) poiche di poi Don Zammartino venira laoltra: et per quanto bisognara al presente expende per questo effecto Beltramio da Cardano nostro citadino et mercadante qui scrive laoltra a] bancho de Gaddi per sue I.ittere de cambio che '1 sia exbursato sino ala quantita de li dinari ch'el bisognara …

DOC 4. Extract from letter of Bonfrancesco Arlotti to Duke Ercole I d'Este, Rome, 15 February 1487. Source: ASM, Amb. Roma, B. 5, Doc. 30-vii/17, p. 3.

El venne don Zoanne Martino vostro Cantore, el quale ritorna cum le sue bolle, ct ben satisfacto nel facto suo per ogni dubio et suspitione 1'havesse havuto de messer Paulo Casella …

DOC. 5. Extract from letter of Bonfrancesco Arlotti to Duke Ercole I d'Este, Rome, 17 February 1487. Source: ASM, Amb. Roma, B. 5, Doc. 30-vii/20.

… perche non havendo certo messo, et non volendomi farvi spesa ho expectato la partita de don Zoanne Martino, el qual benche presto fu ben cxpedito, et sollecitato da me ogni hora al venire, pur non 1’ho potuto spingere via, che queste compagnie de cantori sonno una terribile cosa Maij non se finiscono. Hogi lo e absente, che lo e andato alle septe chiesie. Tomato che ’1 sia li consignaro la vostra lettera, como se sia la Excellentia vostra ha ad stare de bona voglia, perche il Papa vi compiace molto voluntiera, et certificovi che haveti lo amore et gratia de sua Santita …

DOC. 6. Extract from letter of Bonfrancesco Arlotti to Duke Ercole I d'Este, Rome, 2 November 1488. Source: ASM, Amb. Roma, B. 5, Doc. 30-viii/42, p. 4.

El giunse qui heri frate Zoanne vostro Cantore per la nova provisione et expeditione per el facto suo, et don Zammartino lo visto et receptato de bona voglia et dato principio ad Indrizare Puna et Paltra cosa secundo la comissione de vostra Excellentia bisogno suo et instructione che 1’a portato. Et non dubita Vostra Signoria che ’I facto de I’uno et 1’altro sera aiutato et expedito con bona animadversione, lo e vero che ’1 ce che haveria voluto el Canonicato de Don Zammartino con Responsione de certa pensione …

DOC. 7. Extract from letter of Duke Ercole 1 d'Este to Feltrino Manfredi, Rome, 21 October 1497, on illness of Johannes Martini. Source: ASM, Minutario Cronologico, B. 4(1497).

Preterea il se retrova si gravemente infermo don Zammartino nostro Cantore che ’1 se tiene che le morira. Lui ha uno Canonicato in la Chiesia de Reggio, et la prove de un’altra posta in la diocesi de distreto de Reggio. Volemo che incontinente vi ritrovati al conspecto di la Santita de nostro Signore; et la supplicati che la voglia riservarmi li benefici per uno delli cantori nostri come volemo sperare la debba fare attento che de epsi nostri Cantori, non e stato provisto de alcuno, et quelli che haveano hanno perso …

DOC. 8. Extract from letter of Duke Ercole I d'Este to Cardinal Ippolito I d'Este (at Rome), dated Medelane, 29 December 1497, on death of Johannes Martini. Source: ASM, ASE, CTPE, B. 69/9, Doc. 1652-xiv/54.

Inanti che vacasseno li beneficij de Zoanne Martino nostro cantore per la morte soa, scrivessimo a messer Ludovico di Carissimi, che suplicasse ala Santita de nostro Signore per una reserva de dicti beneficij. La predicta Santita fo contenta de farla, et in caso, che gia dicti beneficij vacasseno assenti di farmi collatione, et provisione adicto die a chi noi nominassimo …

DOC. 9a. Extract from letter of Lodovico Carissimi to Duke Ercole I d'Este, Rome, 24 May 1498. Source: ASM, Amb. Roma, B. 10, Doc. 77-J/50.

(p.330) Ho reccputo etiam una altra de Vostra Illustrissima Signore de viii del dicto sopra le beneficij furno de don Zoane Martino …

h. Extract from letter of Duke Ercole I d'Este to Lodovico Carissimi, Medelanc, 29 December 1497. Source: ASM, Minutario Cronologico, B. 4 (1497).

Messer Lodovico: havemo scripto al Revcrendissimo Cardinal? nostro figliolo la intentione nostra per quelli benefici che furono de Zammartino nostro Cantore .ߪ

DOC:. 1 0. Letter of Duke Ercole I d'Este to Cesare Valentino, Ferrarese ambassador in Milan, Ferrara, 22 November 1479. Source: ASM, Amb. Milan, B.2.

Ad eundem [follows another ducal minute of the same date on the same page] Messer Cesare: Voi fareti chiamare quello messer Gasparo Gyletto Cantore et gli fareti intendcre como havemo riceuuto la sua per laquale havemo inteso la dimanda ni fano lui et zohane et ottinetto. Et che per parte nostra vui gli haveti arispondere come siamo content! didarli li X. ducate ogni mese arasone de paga XII I’ano segondo che ni richedono. [Item] ducato 50 1’ano de beneficij senza cura per cadauno quando accaderano vacare nel dominio nostro che geli potiamo dare et per questo non gli mancharemo dela provisione. Et che quando caso venisse che perdessino la voce che li sia licito lassereli permutare epsi beneficij ben cum nostra volunta segondo che loro domandono et che do li dui ducati che dimandano il mese quando gli accadera astare fuora de Ferrara per le spexe. II non mi pare de dargeli senon quando gli accadesse venire cum nui fuora del dominio et terre nostre. Et che siamo contend di darli ducati X per cadauno de loro per potersi comprare uno cavallo. Ma che in Milano non ni pare defargeli dare perche si veniria adiscoprire la cosa laoltra. Et giunti qui incontinente geli faremo dare. Et che ali Cavalli soi non li volemo far le spexe ne ala stalla nostra ne altrove. Et cussi li faremo dare et li vestimenti segondo il nostto costume. Ma la casa che ni dimandano per habitatione se la haverano a trovare loro a sue spexe. Et questa e la risposta che facemo a tute le parte dele sue lettere liquali gli fareti intendcre in nostro nome.

Et haveriti etiam arispondere a Torquin da p[erjsi [scc] |= Victor Tarquin of Bruges] che nui siamo contenti dedarli il Cavallo per venire qua et cussi li dinari per le spexe et per la via segondo il ni nchede per la sua scripta. Et se li compagni non voleno venire al presente, ma expectare anadale [= a Natale] per intendere come passarano quella cosa de la sia col nome de Dio. Et acio che epso Torquin possi venire auraiti de comprarli un Cavallo da X in XII ducati et dargelo et dargeli dui ducati daspendere per la via perche li bastarano dinanzo per il venire fin qui. Et advisaritimi de quello che haveriti conclusi cum loro. Ferrariae xxij Novembre 1479.

DOC.11. Letter of Duke Ercole I d'Este to the singer Victor Tarquin of Bruges, Ferrara, 12 January 1480. Source: ASM, Archivio per materie, Musica e musicisti, B. 2.

Venerabihs nobis dilectissime. Respondendo ala vostra lettera dicemo che siamo contenti di farui dare [d]al nostro Ambassatore lie ducati died da comprarvi uno cavallo da potere venire qua. Et altri ducati dieci per levarvi cum le vostre cosse et per farvi le spexe per via. Et questi vinte vi donaremo de bona voglia: et cussi a scripto e dicto nostro Ambassatore. Et restaremo etiam contenti che la vostra provisione cominci a Kalende de zenaro presente, et che habiati ogni mese ducati dieci de provisione. Et ogni anno una veste come hanno li nostri cantori: Et cussi che vi sia pagato la pisone de una casa per vostra habitatione: Et anchora vi provederemo da beneficij per cento ducati, et al presente gli sera modo da darvene parte, forsi per la mitade o circa, et comperassi fin ala dicta summa, quando lo accadera che vachino de li benefitij sul nostro dominio. Ma non volemo obligarsi de haverveli dati de qui ala festa de Sancto Zoanne baptista, perche el potria essere che fra questo tempo non vi vaccaria da potervene dare …a li haverete quanto piu presto si potria. Et per piu vostra chiareza havemo sotto scripto questa lettera de (p.331) nostra propria mano…habiate a mente Inanti che vi partiati de havere bon licentia da quella Illustrissima Madona perche non havendo non vedemo come vi potessemo acceptare cum nostro honore. Bene valeat. Ferrarie xij Januarij 1480.

DOC. 12. Extract from letter of Christoforo de’ Bianchi to Duke Ercole I d'Este, Rome, 13 November 1484. Source: ASM, Amb. Roma, B. 8, Doc. 35/13.

… Poy pregay la Santita sua che fusse contenta, che la Excellentia Vostra potesse beneficiare li soy Cantori, como gia un’altra volta havea dicto a Sua Santita e lie…de le raxone perche la Santita Sua haveva di questo compiacere. La Excellentia de la Santita Sua me disse queste formule purche, Messer Christophoro, scriviti al signor Duca, che habia uno pocho de pacientia per fin che ’1 sia prestate queste obedientie, et che siano uno pocho meglio assetate le cose nostre che faremo poy. So che noia sua Signoria et inquesto et in mazore cosa, et questo quando lo rende ad vachare niuno beneficio nel stato suo che ’1 vi scriva che tuti li daremo ache voia luy.

DOC. 13. Extract from letter of Christoforo de’ Bianchi to Duke Ercole I d'Este, Rome, 29 November 1484. Source: ASM, Amb. Roma, B. 8, Doc. 35/16.

lo spero hozi havere una copia de quella bolla have la Maesta del Re per li soy Cantori, et sopra di quello faro formate uno suplico in nome di vostra Excellentia, et poy faro ogni Instantia per obtenere quello desidera quella …

DOC. 14. Extract from letter of Christoforo de’ Bianchi to Duke Ercole I d'Este, Rome, 5 December 1484. Source: ASM, Amb. Roma, B. 8, Doc. 35/17.

… lo sono stato cum la Santita del Nostro Signore per expedire el facto deli Cantori de vostra Excellentia, et ho usato sopra de cio ogni inzegno et diligentia che ad mi sia stato possibile. Finche la Santita Sua vole che la Excellentia vostra habia patientia per adesso, poi che per fin che ’1 non sia prestate le obedientie ad sua Santita la non vole fare simile gratie, non pur una expectatione che communitet se soleno fare a natale …

DOC. 15. Extract from letter of Niccolo Bendedei to Duke Ercole I d'Este, Rome, 10 December 1485. Source: ASM, Amb. Roma B. 8, Doc. 37/9.

… il mi respose che ’1 havea scripto circo cio opportunamente a quella, et andome difficultando la cosa mosttando che…queste renuncie se stima sempre siano qualche mal guardato chi si faci et che ’1 sii…uno venditore beneficij …

DOC. 16. Extract from letter of Duke Ercole I d'Este to Bonfrancesco Arlotti, Gonzaga (nr. Mantua), 6 May 1487 (on question of his bringing his singers with him on his proposed trip to Rome). Source: ASM, Amb. Roma, B. 7, Doc. 30-xix/24.

Vero che li haressimo potuto mettete li Cantori de la capella nostra, ma poi che eravamo in peregrinagio de andare a Santo Jacomo non mi parse de menarli, et venendo mo in la cum questa comitiva medema, non mi e parso giongerli ni menarli altramente, et per non dare tanta spexa ala Santita de Nostro Signore et ad altri signori che ne fanno honore. Vederiti anche che non menemo piu che tri Trombiti, se bene ne havemo Dece, liquali tri menemo solamente per suegiate et chiamare la brigata quando se ha ad montare a cavallo. Et se ne veniremo pur cussi ala domestica, come se trovavamo andare al viaggio de Santo Jacomo …

DOC. 17. Extract from letter of G. A. Boccaccio to Duke Ercole I d'Este, Rome, 19 July 1491 (on limitations of the Papal Indult for Ercole’s singers). Source: ASM, Amb. Roma, B. 1.

(p.332) … se po etiam dire che tuti restariano a disposicione del Papa, et primo li non reservati che non se concedeno in dicto Indulto et le prefate dignitade beneficij in corte de Roma et cossi quilli deii familiari de Cardinal! et per consequenza del Papa. Zudica mo vostro Illustrissimo signore che gratia gli’e concessa, judicio mio parva vel nulla; bisogna aduncha com il scrivere ogni celerita quando vacarano beneficij perche essendo lei prima certamente il Papa la compiacera continuamente come La fa etiam al Duca de Milano, et altri principi…et questo sera il megliore et piu amplo Indulto che la potera havere. Poteriavi passare anni et anni et quodammo una eta mane che dicto Indulto potesse havere effecto in alcun beneficij …

DOC. l 8. Letter of Duke Ercole I d'Este to Giovanni Luca Pozzi (in Rome), Ferrara, 8 April 1505. Source: ASM, Amb. Roma, B. 20, Doc. 122-III/8.

Messer Zoanne Luca. Voi ne scrivesti che Instando cum il Reverendissimo Cardinale Alexandrine per lo Indulto nostro, Sua Signoria vi dixe che !a Santita de Nostro Signore era contenta concederne epso Indulto, ma che la voleva una lettera del Reverendissimo Cardinale nostro figliolo per fede che sua Signoria fusse contenta che dicto Indulto passasse per la diocese sua qui. Et perche havendo Noi facto Instantia cum dicto nostro figliolo per dicta lettera, pare che il se renda difficile ad farla, ni e parso darvene adviso, et dicemovi che pur debiati vedere senza dicta lettera de fare al meglio che poteti, circa dicto Indulto, obtenendolo libero per tute le altre diocese. Et per questa del Cardinale el poteriti obtenire che Phabia loco accadendoli il consentimento suo, perche poteria essere che poi el seria contento, et se poteti etiam obtenirlo libero per la sua diocese, senza che lui altramente scriva, el ni piacera; Maisi haveti advertire che li beneficij che hora tengono li Capellani et Cantori nostri, quando vaccano, li potiamo dare ad altri nostri Cantori, etiam se fusseno de la Diocese del dicto Cardinale, senza che in questo ge habia ad essere il consentimento suo, attendeti mo ad sollicitare per la expeditione de dicto Indulto…Ferrarie viii Aprile 1504.

Postscriptum. Vedendo noi la dureza et obstinatione, che usa cum Noi il Cardinale nostro figliolo, circa dicto Indulto despiacendoni ultramodo simili termini desconvenienti, gli havemo facto notificare et commettere, che il deba levarse del dominio nostro, et andare a Roma overo a Milano, overo dove li piace, pur che ’1 non stia in le terre et lochi nostre. Perche non ni pare conveniente, che habiamo presso Noi uno figliolo che sia retrogrado a le voglie nostre, et verso noi desobediente, come lo e Lui. Et non parera de supportare piu facilmente il despiacere, che havemo preso, per questa sua obstinatione, se’l sia absente de qua, che se lo vedessimo stare qua maisi se ben el se parte, non li molestaremo pero le intrate sue, che lo ha qua. Et veramente haveressemo creduto, non che de una cosa minima come era questa, Ma che se lo havessemo rechiesto ad lassare questo Episcopato per amore nostro, il ne dovesse havere conpiaciute. Ni e parso del tuto darvi adviso, Acio che se sentisti come vedemo, che sentireti, che ’1 se parlasse laultra de la partita de qui del Cardinale sapiati come passa la cosa et dove procede tale partita, et che poteti justificarmi dove bisognava. Et se ’1 vi paresse de parlar de questa cosa cum la Santita de nostro Signore overo cum altri, senza expectare, che ne sia parlato a vui, se ne remettemo a vui.

DOC. I9a. Extract from letter of G. A. Boccaccio to Duke Ercole I d'Este, Rome, 2 November 1491 (on the singer Don Philippo de Primis). Source: ASM, Amb. Roma, B. 9, Doc. 54–1/27.

… Ala parte de quello Don Philippo suo Cantore, subito visto la lettera de vostra Illustrissima Signoria cav[a]lcai a palazo per intendere el tuto; io trovai che gia in capella era stato acceptato per il mestro di quella de octi giorni avanti io recevesse dicta lettera; che continente me transfer! al dicto Cardinale de Benevento et li lessi la dicta litera el qual sine mora mando per el dicto Maestro de Capella che e el Vescovo de Cortona et non trovatossi il me remesse al Papa al qual eadem hora io ebe adito et lecta essa litera. El comando expressamente al Vescovo de Urbino che li se trovava che ’1 comandasse per parte sua al dicto Maestro de Capella che licensasse el dicto (p.333) Cantore omnamente et cosi li fu comandato per dicto Vescovo et anche per esso Cardinale de Benevenro el qual per niente voleva obedire, dicendo che questo era costume de tuti li cantori partirse cum licentia et senza, et che ad ogni homo era licito scusarli come si faceva ogni di et che la capella n’haveva gran necessita per esser senza cantori, et che soa Beatitudine me portava gram biasmo cum dire che se pur soa Santita vora cosi io abandonaro la capella et non mi ni impazaro piu in colera fu com soa Beatitudine sopra de cio non gia veramente per dispiacere a Vostra Illustrissima signoria ma per honore de la capella. El Papa turbata facie li replico, non volemo per niente questo tristo in la capella nostra et subito licentialo. In questa sira che fu la nostra audientia in presentia del dicto Monsignor Ascanio finse non intendere dicta licentia…Io disse, padre Santa restituiscere el nostro Cantore; il me respuose, Havemo facto caciare vituperosamente; replicavi, pur c’e bisogna, padre Santa; respuose, che volete [?] che faciate confortare el ritornare per che il sera ei meglio visto che mai et carissimo al signore mio et li provedera de beneficij. Questa commissione fu data a! dicto Monsignor Ascanio e! qual fara 1’officio molto voluntiera …

b. Extract from letter of G. A. Boccaccio to Duke Ercole I d'Este, Rome, 12 November 1491. Source: ASM, Arab. Roma, B. 9, Doc. 54–J/34.

Fu data licentia de capella del Papa a quello don Filippo Cantore et pur il Vescovo de Cortona maestro de la capella ge’l retiene. Ne parlai 1’altro heri col Reverendissimo Cardinale de Benevento, se ne maraviglio et turbo pur assai com dire, io so che ’1 Papa non vuol per niente che ’1 vi stia et in mia presentia et turbatamente ge ha commesso che nedum Io licentia ma Io cacia come uno tristo et demum me disse andati e lassati questo caricho a mi, che ’1 non vi stara. II fu com mi a questi giorni mandate pur dal dicto Vescovo ad cio ch’io scrivesse a Vostra Excellenza in suo favore, recusavi penitus, et com molte ragione Io confortai a ritornare et tanto Io persuasse che ’1 me deti intentione de farlo; questa medesima opera fece el Reverendissimo Monsignore Ascanio; dopoi ha respuosto et pertinazamente che piu presto 1’andaria in Turchia; Io e gia uno anno et piu che ’1 fu chi per entrare in dicta capella non fu acceptato per non esserli loco. Tamen li fu data speranza, che vacando qualche loco li serra dato. 11 dicto Monsignore Ascanio me ha dicto, come il sia excluso in tuto de la dicta capella; io so che ’1 ritorna da mi per favore, alhora bisognara che ’1 ritorna …

c. Extract from letter of Duke Ercole I d'Este to G. A. Boccaccio, Belriguardo, 22 November 1491. Source: ASM, Amb. Roma, B. 9, Doc. 54–vii/5.

… De quello haveti operate de don Philippe nostro Cantore accio che ’1 ritorni a Nui,…vi comendemo grandemente.